Ultima modifica: 27 gennaio 2018
I.T.C.G. "Medaglia d'Oro - Città di Cassino" > Il Ragioniere – Evoluzione, Prospettive e Sbocchi

Il Ragioniere – Evoluzione, Prospettive e Sbocchi

Convegno: Il Ragioniere – Evoluzione, Prospettive e Sbocchi

25 Gennaio 2018
Aula video dell’ITCG “Medaglia d’oro – Città di Cassino”

All’insegna dell’”Amarcord” ma anche dell’individuazione di nuove prospettive, il convegno dal titolo “IL RAGIONIERE – EVOLUZIONE, PROSPETTIVE E SBOCCHI”, tenutosi giovedì 25 gennaio, presso la sede dell’ITCG “Medaglia d’Oro” di Cassino.

I cambiamenti occorsi nella società e la ricerca di nuove competenze hanno richiesto la riqualificazione di diverse figure professionali, tra cui quella del “Ragioniere”. Poiché non si può comprendere il presente o progettare il futuro, senza collegarsi al passato, prima di individuare quali siano gli sbocchi professionali che l’ITC offre nell’attuale panorama lavorativo ai giovani diplomati, è doveroso ripercorrere un po’ l’origine e l’evoluzione della figura del “Ragioniere” che ha avuto un ruolo di primo piano nell’Italia del cosiddetto “Boom economico”.

All’evento, fortemente voluto dal Preside, Prof. Marcello Bianchi, su proposta di alcuni docenti dell’Istituto, tra cui il Prof. Mauro Cernesi e il Prof. Antonio Riccardi, hanno presenziato numerosi docenti “storici” dell’Istituto Tecnico, e sono intervenuti l’Avv. Rita Riccio, Segretario generale del Comune di Cassino, il Dott. Giuseppe Tedesco, Consigliere nazionale dei dottori commercialisti e il Dott. Donato Formisano, Presidente della Banca Popolare del Cassinate. I tre ospiti hanno accolto l’invito con entusiasmo, orgogliosi di aver frequentato proprio l’ITCG “Medaglia d’Oro “ di Cassino al quale hanno dichiarato di sentirsi legati da un forte senso di appartenenza.  

Gli ospiti hanno saputo portare la loro testimonianza agli alunni del biennio presenti, con leggerezza e simpatia e tanti sono stati gli aneddoti riferiti.

Tutti sono stati concordi nell’attribuire proprio alla formazione ricevuta nell’Istituto, più che a quella universitaria, il loro successo professionale e tutti hanno ammesso di essersi sempre sentiti, nonostante il conseguimento di titoli accademici, “ragionieri”.

Naturalmente è stato posto l’accento sulla necessità di formarsi attraverso lo studio e il sacrificio, che alla fine, insieme alla tenacia, permettono ai sogni di diventare realtà.